logo
 
 
home
foto
servizi
hotel
informazioni
dove
 
webcam
     
 
riccione   entroterra   itinerari   meteo   rosa dei venti

Torriana

torriana

Numero di abitanti : 983
Altezza sul mare : m 337
Distanza da Riccione : km 26

La storia del comune

Torriana è a 7 chilometri da Santarcangelo di Romagna. Di origini villanoviane, dopo il 1000 passò sotto il dominio dei Malatesti da Verucchio. La leggenda narra che nelle segrete del castello di Torriana (oggi restaurato) venne ucciso Gianciotto Malatesta.
Nel 1504, come gran parte della Romagna, Torriana passò a Venezia tornando dopo pochi anni alla Chiesa, che nel 1519 la concesse al conte Pio dei Carpi.
Centro agricolo, per lungo tempo le pendici del suo monte Scorticata vennero erose da cavatori e marmisti. Fu centro di segnalazioni per la vallata nel '300, facendo parte di quel complicato sistema di paesi dove sorgevano torri per segnalazioni luminose che arrivava fino a Urbino e per tutto il Montefeltro.
Il nome Scorticata venne cambiato da Benito Mussolini nel 1938 in Torriana. Sul finire degli anni '70, Torriana inglobò Montebello, oggi sua frazione, dal comune di Sogliano al Rubicone. Montebello è nota per il suo castello appartenente alla famiglia dei conti di Bagno dove, agli inizi dell'800, si celebrarono le gesta del bandito Tommaso Rinaldini, detto "Mason dla Blona" poi decapitato, a Ravenna dalle truppe papaline. Fra Montebello e Torriana si erge il colle di Saiano, a picco sul Marecchia, dove nel 1300 venne costruita una chiesa, successivamente ampliata e dedicata alla Madonna.

Le principali attrattive

Per i turisti e occasionali visitatori, Torriana e Montebello offrono testimonianze malatestiane. In entrambi i centri, infatti, si ergono castelli e ruderi di torri costruite durante la dominazione dell'antica famiglia riminese. A Torriana, poi, c'è da vedere la chiesa che contiene pregevoli tele del '700 romagnolo. Restaurato negli anni '60, il castello ospitò un ristorante e un night club e la sua mole attuale, pur se rifatta per molti volumi, ricalca il maniero originario.
Da non perdere l'appuntamento con la cucina: osterie e ristoranti offrono il megho della tradizione culinaria romagnola.
A Montebello , un'intelligente operazione di recupero dell'antico e piccolo borgo ha permesso di poter mantenere intatta la struttura del paese raccolto ai piedi del bel castello, oggi sede di una rinomata enoteca. L'unica forma di economia della frazione: due ristoranti.
Iniziati i restauri della chiesa di Saiano , il santuario dedicato alla Madonna rappresenta una meta di indubbio interesse per chi frequenta la valle del Marecchia, tanto cara al poeta Tonino Guerra.

back